Il decluttering per fare spazio al tuo piccolo business

Questo post parla di decluttering, ovvero di quell’operazione di pulizia e ordine che mi ha aiutato a far partire il mio un piccolo business con le idee chiare.

Decluttering è un termine inglese e il dizionario Garzanti da questa definizione “la pratica di liberarsi degli oggetti vecchi o inutili” e l’etimologia della parola lo spiega con il concetto di “fare ordine”.

Quando sei responsabile della tua attività probabilmente dedichi la maggior parte del tuo tempo ad occupartene, ma quanto ne dedichi a fare ordine nel tuo business? Prova a pensare cosa dice di te il luogo di lavoro. Fare ordine e creare uno spazio che ti rappresenti e ti metta a tuo agio, è un punto di forza che va sfruttato per aiutarti a lavorare meglio.

È un atteggiamento che ti obbliga a fermarti e a guardare al tuo piccolo business con occhio critico. Inoltre allena la creatività, ti aiuta a fare ordine mentale e selezionare, a sbarazzarti di tutto ciò che non è utile, per darti modo di concentrarti, invece, su soluzioni alternative e funzionali.  

Far pulizia e ordine è utile a chi ha un piccolo business social perché ti aiuta a raccontarlo meglio anche sul web. Per questo voglio condividere con te quello che ho imparato da questa esperienza.

Partire da quello che hai.

Quando lo scorso anno ho deciso di mettermi in proprio, mi serviva uno spazio fresco e ordinato che accogliesse il mio piccolo business e che mi aiutasse a dargli forma per poterlo raccontare anche on line. Stavo cominciando una nuova avventura e volevo fare pulizia del vecchio, Piccoli gesti di marketing voleva rompere con il passato, distinguersi e adattarsi ad uno stile personale, artigianale e moderno.

L’esigenza era concreta, mi serviva una stanza mia per lavorare in tranquillità, con la giusta atmosfera per stimolare la concentrazione e spazi pensati per creare da sola contenuti visivi per blog e social. Si trattava di scegliere una stanza di casa e riadattarla a ufficio/studio e renderla più funzionale a un piccolo business social. Avevo a disposizione pochi metri quadrati e un budget minimo.

La soluzione è stata un decluttering ragionato e il riuso creativo.

Avere una visione d’insieme.

Un’operazione di decluttering richiede tempo e una visione d’insieme, quindi prima di iniziare a smontare e rimontare, scegliere oggetti o il colore delle pareti mi sono posta alcune domande:

come immagino il mio luogo di lavoro finito?

qual è lo stile?

quanto spazio ho a disposizione?

quali sono gli elementi di arredo che mi servono?

Catalogare.

Come prima cosa ho cercato gli scatoloni per archiviare tutte le cose che avevo accumulato negli anni nella mia vecchia stanza, spulciando in armadi, mensole, cassetti e librerie. A mano a mano ho catalogato tutto mentalmente (ma puoi fare anche una lista scritta) e ho preparato tre scatoloni con scritto: cose che non servono più, oggetti preziosi (che hanno un valore simbolico o affettivo), cose utili e li ho riempiti.

Riciclare creativamente.

Lo step successivo è stato liberatorio, oserei dire terapeutico. Ho letteralmente smontato i mobili, armadio, mensole, lampade, scrivania. Smontare un oggetto significa potenzialmente creare un nuovo oggetto, ogni parte può diventare un’altra cosa. È così che l’asse dell’ex libreria è diventata la mensola sospesa per le mie piantine grasse e che le vecchie cassette della frutta spazi per ordinare i documenti.

Creare un angolo instagrammabile.

Pensando alle esigenze del mio business e anche a quelle dei miei clienti ho creato un angolo instagrammabile sfruttando il piano della scrivania per foto dall’alto e la parete con alcuni elementi da  smontare e rimontare facilmente per creare un piccolo set. proprio per questa esigenza ho dipinto le pareti di bianco, così ho una stanza luminosa e sfrutto la luce naturale per le fotografie.

Pensare alla funzionalità.

La difficoltà nella prima fase è scegliere cosa tenere e a cosa rinunciare, la tendenza ad affezionarsi agli oggetti è un ostacolo al decluttering! Il mio consiglio è di tenere solo gli oggetti utili e simbolici che ti rimandano emozioni e ricordi positivi e sbarazzarti del resto, segui l’istinto!

Per fare questa selezione mi sono chiesta:

ogni oggetto e ogni elemento che scelgo di tenere ha uno scopo?

Quale?

Perché l’ho scelto?

Come può servirmi?

Lasciarsi ispirare.

Per rispondere a queste domande ho fatto una ricerca e ho cercato spunti creativi. Sapevo quali erano le mie esigenze e gli elementi che avevo a disposizione. Il passo successivo è stato immaginarmi come riutilizzare quello che avevo, come dargli nuova vita e qual era il risultato finale che volevo. Ho cercato ispirazione su riviste di arredamento come Casa Facile e naturalmente sui social come Pinterest e Instagram che sono un’ottima fonte di immagini. 

In ogni caso, il segreto per il decluttering è divertirsi, la sensazione che ti dà è quella di un rinnovamento, chiarezza, nuova energia. Prova a sperimentare un angolo, una parete, fai la tua mood board e se ti va, condividila con un link nei commenti, racconta la tua idea, può essere di ispirazione per altri piccoli business!

La prossima volta parliamo di decluttering sul web, se vuoi rinfrescare la tua presenza on line non mancare, ti darò alcuni consigli utili per fare un po’ di pulizia.

Mi chiamo Valentina Pucci e sono una libera professionista fanese. Mi occupo di social media marketing e curo progetti di comunicazione per piccoli imprenditori e liberi professionisti.

Sei già iscritto alla newsletter dei Piccoli gesti di marketing? La mando una volta al mese con contenuti speciali, ci si iscrive qui.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Please wait

SEGUIMI SU
facebooklogo instagramlogo telegramlinkedin

logo valentina pucci