Tre telefilm che ho amato e consiglio di vedere

L’estate è una stagione meravigliosa, dopo la primavera è quella che preferisco: si preparano le valigie, si pianificano viaggi, abbiamo più tempo per coltivare i nostri interessi, riprendere in mano buon libro o iniziare una nuova serie tv. Se sei a corto di idee per l'estate, mi permetto di consigliarti tre telefilm che ho amato e che mi hanno ispirata. 

Sono tre telefilm diversi tra loro, ma ognuno dà uno spunto interessante sul modo di raccontare una storia. Credo che dai film e dalle serie tv si possa imparare molto sul linguaggio visivo e che possano essere d'ispirazione quando cerchiamo uno stile e un modo per raccontarci. 

Al di là dei nostri gusti personali, ci sono storie che arrivano meglio di altre, nel tempo riescono a distinguersi perché suscitano in noi precise emozioni, impressioni e senzazioni, ci fanno incuriosire tanto da volerne sapere di più. Quello che mi interessa qui è l'approccio con il quale ognuno di noi intende "vedere", è un gioco per tentare di cogliere non tanto quello che in una storia viene detto, ma quello che non viene detto e che in qualche modo ci arriva come suggestione.

Mi piace pensare che se e quando guarderemo la prossima serie su Netlix, non lo facessimo solo per il gusto di passare il tempo. Vorrei che fosse un modo divertente per allenarci a guardare oltre e che grazie alla nostra sensibilità imparassimo a riconoscere quali elementi ci colpiscono e individuare quelli che insieme rendono una storia interessante.

Scegliendo tre telefilm provo a suggerirti un modo diverso di guardare, ma puoi tranquillamente ignorare tutto ciò e semplicemente goderti la visione :)

FARGO

Fargo è una serie tv del 2014 ideata da Noah Hawley che racconta tre storie diverse e autoconclusive. Questa è una delle cose che mi ha colpita: ogni stagione ha la sua storia che inizia e si conclude in 10 episodi, cambia la trama eppure c'è sempre una linea invisibile che le unisce. Inoltre, guardando una puntata di seguito all'altra è come se ogni stagione diventasse un lunghissimo film di 10 ore, interessante no? Il secondo elemento che mi ha colpito è stata la fotografia. I giochi di luce e ombre, la saturazione dei colori, le inquadrature, sono tutti elementi coerenti con una scelta stilistica che si ritroviamo in tutte e tre le stagioni. Altro punto di forza è la trama che si sviluppa nell’intreccio fra i personaggi a diversi gradi di profondità. A proposito, sono curiosa di sapere chi è il tuo personaggio preferito!

Ti consiglio di vederlo se ti piaciono la commedia nera, i thriller e i noir.

BLACK MIRROR

Anche in questo caso ti propongo una serie antologica di 3 stagioni, ma a differenza di Fargo, dove ogni storia si conclude con l’ultima puntata di stagione, in Black Mirror ogni puntata è una storia a sè Qui c'è un immaginario comune che viene raccontato.Tra le serie che ho scelto, questa è forse la più distopica, ci proietta in un futuro non così lontano, ci avvicina a sé raccontandoci di temi che conosciamo e che sentiamo ormai parte della nostra vita. Ci fa immaginare un mondo dove gli uomini e le donne vivono immersi nella tecnologia, che sempre più invadente mette a nudo i sentimenti comuni a tutti noi: l’egoismo e la solitudine (brividi per l’episodio “caduta libera”). In questa dimensione ognuno combatte la sua guerra personale davanti a uno schermo o dentro di esso, di fronte a un pubblico pronto a sentenziare, o nascosto nell’ombra senza rivelarsi mai.  

Se ami la commedia nera, la fantascienza e i thriller psicologici, Black Mirror non ti deluderà.

THE AFFAIR - UNA RELAZIONE PERICOLOSA

Oh visto che, per citare Oscar Wild “una vita senza amore è come un giardino senza sole e coi fiori appassiti” mettiamoci un po’ di love in questa lista. The Affair è un telefilm del 2014, ideata da Sarah Treem e Hagai Levi. La trama tutto sommato è banale: c’è lui, c’è lei e c’è l’altra, il famoso triangolo. Ma se pensate che sia una storia d’amore tipo Via col Vento, beh non è così. No, The Affair è un telefilm che parla di relazioni e di emozioni, di tradimenti e di inganni, di segreti e di bugie e scava nel profondo, nella psiche dei personaggi. Ma la particolarità è il modo con cui il regista ha scelto di raccontare la storia. Ogni puntata si interrompe a metà per riprendere il punto di vista di un altro personaggio che racconta la sua versione della storia. Così le interpretazioni si moltiplicano e si intrecciano e rimaniamo nel dubbio chiedendoci: “Qual è la verità?”.

Consigliato per chi ama il dramma, i thriller psicologici e le storie d’amore non convenzionali.

Beh, spero di avervi incuriosito almeno un po’, se vuoi possiamo parlarne ancora e confrontarci sulla mia pagina facebook.

Grazie per essere passato, alla prossima settimana!

Mi chiamo Valentina Pucci e sono una libera professionista fanese. Mi occupo di social media marketing e curo progetti di comunicazione per piccoli imprenditori e liberi professionisti.

Sei già iscritto alla newsletter dei Piccoli gesti di marketing? La mando una volta al mese con contenuti speciali, ci si iscrive qui.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Please wait

SEGUIMI SU
facebooklogo instagramlogo telegramlinkedin

logo valentina pucci