5 consigli per scrivere una about page

L’about page, cioè la pagina “chi siamo” o “chi sono”, è quella pagina del sito dove finisce inevitabilmente chi non ci conosce o chi vuole sapere qualcosa in più su di noi, o la nostra attività. È la pagina dove ci presentiamo se siamo ad esempio dei liberi professionisti o dove presentiamo la nostra azienda o ecommerce.

Spesso la sottovalutiamo, eppure l’about page non è lì per bellezza e non dobbiamo scriverla perché l’abbiamo vista nel sito della concorrenza. Come tutte le pagine di un sito ha un obiettivo importante: aiutarci a vendere.

A volte una about page non “parla” e non “arriva” e qualche volta, nel peggiore dei casi, non esiste nemmeno. Magari c’è ma è noiosa, la leggiamo e subito dopo ci dimentichiamo di averla letta. Aspetta cosa c’era scritto? Appunto. Non resta impressa, non si fa ricordare. Occasioni perse.

Una about page che funziona è quella che permette ai nostri potenziali clienti di farsi un’idea di chi siamo e noi la scriviamo per convincerli che siamo la persona giusta per loro.

Capita però, di imbatterci in parole poco significative, copie di brochure, o di curriculum con una lista infinita di informazioni tecniche, premi e pomposi attestati. Dov’è la personalizzazione? Probabilmente chi le scrive non sa bene cosa lo distingue e non conosce il pubblico al quale si rivolge.  

Non è semplice chiarire questi aspetti, vi faccio un esempio. Prima di iniziare a lavorare su un progetto, di solito intervisto i miei clienti e succede che, nella maggior parte dei casi, fanno una gran fatica ad aprirsi, si imbarazzano nel dire cosa sanno fare o chi è il loro target e sgranano gli occhi se chiedo che cosa li rende unici e cosa li distingue dalla concorrenza.

Ora, non pretendo che dopo aver letto l’articolo siate dei maghi delle pagine chi siamo, ma potete migliorare spero, riflettendo su questi cinque consigli.

1. Studiate il target

Prima di mettervi a scrivere dovete sapere chi sono le persone che vi leggeranno e averle chiare in mente. Intendo proprio conoscerle bene, sapere di cosa hanno bisogno, quali sono i dubbi e le domande che si pongono nel momento in cui si impegnano per cercare un professionista a cui affidarsi. Se metteste insieme queste informazioni potreste usarle per scegliere le parole che risuonano meglio nei vostri clienti. Ad esempio: vi hanno mai detto “sto cercando un leader di settore?” O “cerco tradizione e innovazione”? Cosa vi dicono i clienti? Che parole usano? Magari è più probabile che dicano sto cercando un professionista X che abbia esperienza in Y o Z, che sappia fare questo o quello per risolvere IL MIO PROBLEMA. Ecco, partite dal problema e siate concreti.

2. Parlate chiaro e arrivate al punto

Le persone che arrivano sul vostro sito magari lo fanno per caso, per questo hanno bisogno di sapere che sono nel posto giusto. Faccio un esempio, sono un potenziale cliente, arrivo nella about page e se tutto funziona penso: “sì questa azienda o questa persona è ciò di cui ho bisogno, ho capito cosa fare per continuare e ottenere quello che desidero.” Ecco perché dovete sforzarvi di dare tutte le informazioni necessarie. È vostra responsabilità dire chi siete e cosa fate nel modo più semplice e immediato possibile. Poi, in fondo alla pagina aggiungete sempre una call to action pensando a chi vi legge e chiedetevi “cosa voglio che faccia dopo?” Che mi contatti? Che vada in una sezione del sito? Che si iscriva alla newsletter? Eccetera, eccetera.

3. Puntate sui valori e su ciò che ha valore

Avete dei valori da condividere? Non nascondeteli, usateli per arricchire la presentazione. Ad esempio, potreste spiegate perché lavorate in un certo modo, o aggiungere informazioni che danno spessore a voi e al vostro lavoro, siate umani e non limitatevi a dire faccio questo, punto. Ad esempio, sono un’azienda che opera da tanto tempo in un certo settore e ho molta esperienza? Bene, lo metto in evidenza perché chi legge percepisca un senso di solidità, e così via.

4. Siate concreti

Proviamo a fare un gioco. Se scrivo: “Siamo un team di professionisti che crede nella società digitale e che vuole guidare le aziende nel compiere scelte innovative”, riuscireste a capire al volo di cosa mi occupo? E come lo faccio di preciso? Sapreste dirmi cosa significa scelte innovative per voi? Quando scrivete mettetevi sempre nei panni di chi legge e non date per scontato che quello che sapete voi lo sappia anche il vostro pubblico, dovete esplicitarlo.

5. Lavorate sui punti di forza

Dimmi in una frase perché dovrei scegliere te e non un tuo concorrente. Se non avete chiare quali sono le vostre potenzialità, i punti di forza e debolezza, bisogna lavorare su questo. Lavorate sulla vostra promessa, quella che fate ai vostri clienti con i vostri prodotti e servizi, sul messaggio chiave attorno al quale gira tutta la comunicazione. Ricordatevi che le persone non cercano solo la frase d’effetto, ma un concetto chiaro, concreto e coerente. Cosa fate per risolvere i problemi dei vostri potenziali clienti? Cosa ottengono se lavorano con voi? Cosa è importante per loro?

L’articolo è finito, ma se avete ancora dubbi sui testi del vostro sito potete approfittare di Mini Macro, la consulenza di un’ora che vi aiuta a fare chiarezza. Oppure, se volete testi originali o avete bisogno di una revisione di quelli vecchi c’è Testi Tosti, il servizio che offro a chi vuole testi freschi e originali.

Da piccoli gesti di marketing è tutto, passo e chiudo. Grazie per avermi letta!

valentina-pucci-incontriamoci-sul-web.jpg

Incontriamoci sul web!

Usi Instagram? Anche io, al momento è il social che preferisco. Mi trovi lì, cerca @piccoli_gesti_di_marketing

Usi Facebook? Lo so è out, ma ci faccio comunque le dirette del lunedì, cerca @Valentina Pucci - Piccoli gesti di marketing

Ti piacciono le lettere? Bene, a me piace scriverle. Se mi lasci il tuo indirizzo di posta qui ti iscrivi alla newsletter. Cosa succede dopo? Succede che ogni tanto (sporadicamente, quando ho qualcosa da dire e sono ispirata) ti arriverà una mail che parla di comunicazione. La scrivo io, ed è un regalo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Please wait

SEGUIMI SU
facebooklogo instagram

Privacy Policy
©2020 Valentina Pucci · Via XI febbraio, 4 · 61032 Fano (PU) · ciao@valentinapucci.it · P. IVA 02629560414 · Mappa del sito
Credits: Grafica Kei Kei Studio · Ritratti Giulia Gioacchini · Web design elmweb

logo valentina pucci